4.5 milioni di Euro - 500 mila Euro per ciascuno dei 9 Municipi - è il budget stanziato dal Comune di Milano per il Bilancio Partecipativo 2017-18.

Con il Bilancio Partecipativo si possono finanziare solo "spese in conto capitale", cioè investimenti per opere pubbliche. Ad esempio, la ristrutturazione di uno stabile o l'acquisto di forniture per uno spazio pubblico. Non sono invece finanziabili le "spese correnti", il capitolo del bilancio comunale destinato ai servizi. Rientra in questa categoria la gestione delle attività in uno spazio pubblico o l'affidamento di un orto condiviso.

I progetti devono avere un importo compreso tra 100 e 500 mila Euro. Per ciascun Municipio possono essere finanziati uno o più progetti (max 5), sino ad esaurimento del budget.

I progetti devono ricadere nel territorio di uno dei nove Municipi, e nella competenza amministrativa dei Municipi e/o del Comune di Milano. Non sono ammessi progetti che riguardino proprietà private o di altri enti.

I progetti del Bilancio Partecipativo 2017-18 conflusicono nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche 2019-21. I lavori vengono programmati dall'Amministrazione sulle tre annualità finanziarie 2019, 2020 o 2021.

QUANTO SPENDE IL COMUNE PER IL BILANCIO PARTECIPATIVO?

Il Bilancio Partecipativo 2017-18 del Comune di Milano è realizzato in collaborazione con il progetto di ricerca europeo EMPATIA, finanziato dal programma di ricerca e innovazione CAPS - "Horizon 2020", (accordo di sovvenzione n°687920).

Il Comune di Milano, in qualità di "pilot" del progetto, per il 2017 beneficia gratuitamente della piattaforma digitale, del coordinamento scientifico e del supporto alla gestione del team di ricerca europeo EMPATIA, del quale è partner l'Università Statale di Milano.

Il Comune di Milano gestisce il Bilancio Partecipativo con risorse professionali interne. Ciascuna spesa effettuta per la comunicazione, l'organizzazione degli eventi e il supporto alla gestione viene registrata e rendicontata su questo sito.

Il Bilancio Partecipativo 2017-18 è stato deliberato dalla Giunta Comunale il 1 giugno 2017