Il Bilancio partecipativo

Che cos’è

Il Bilancio partecipativo è lo strumento più diffuso nel mondo per il coinvolgimento dei cittadini nelle scelte pubbliche. L’obiettivo è progettare con i cittadini interventi di interesse pubblico da realizzare sul territorio delle 9 Zone. Per questi progetti sono disponibili 9 milioni di euro totali, 1 milione di euro per ciascuna Zona, da utilizzare per investimenti.

Chi può partecipare?

Possono partecipare tutti coloro che abitano, studiano o lavorano a Milano di età pari o superiore ai 14 anni.

Quanto dura

Il percorso parte a luglio 2015 e si conclude a novembre 2015.

Informarsi per discutere bene

Prima di iniziare il percorso è stato elaborato un Documento informativo per aprire la discussione, che contiene tutte le informazioni necessarie per capire che cos’è il bilancio, come si svolge il percorso e tutto ciò che occorre sapere per partecipare attivamente (scarica il Documento informativo)

Se intendi partecipare al percorso è molto importante che tu legga questo documento. In questo modo tutte le persone che prenderanno parte agli incontri avranno una base comune su cui discutere. Sarà più semplice capirsi e utilizzare bene il tempo a disposizione.

Come si svolge

Il Bilancio partecipativo si articola in quattro fasi principali.

Fase di ascolto

Una prima fase di ascolto, della durata di due mesi (luglio e settembre) è dedicata a raccogliere le esigenze dei cittadini. Sono stati organizzati 45 incontri pubblici nei vari quartieri in cui gli interessati hanno potuto segnalare problemi e proporre idee relative ad ogni Zona. Non si è trattato di assemblee ma incontri organizzati con facilitatori, persone esperte di processi partecipativi, che hanno stimolato i cittadini a discutere in modo costruttivo e suddivisi per gruppi.
Inoltre sono stati organizzati 15 incontri fai da te, gestiti in autonomia da gruppi locali, un incontro con i rappresentanti delle comunità straniere del Forum città mondo, al Mudec e un incontro con circa 350 giovani presso lo spazio ex Ansaldo.
In tutto sono stati incontrati, al netto delle doppie presenze, circa 2.200 cittadini.
La sintesi di quanto discusso è disponibile su questo sito alla sezione Documenti.
Nel corso degli incontri di ascolto è stato distribuito un modulo che gli interessati hanno potuto compilare per candidarsi a fare parte dei laboratori di co-progettazione (fase 2).
La selezione dei partecipanti è avvenuta giovedì 15 ottobre a Palazzo Marino con estrazione a sorte di 270 cittadini, 30 per ogni Zona di Milano, il cui nome non è reso pubblico per motivi di privacy.
Per conoscere la composizione dei gruppi secondo i criteri usati per l’estrazione (quartiere di provenienza, genere e età) scarica il documento allegato.

Fase di co-progettazione

Una seconda fase di co-progettazione, ad ottobre, è stata dedicata a ideare gli interventi attraverso dei laboratori. Grazie alle disponibilità raccolte nella fase di ascolto è stato selezionato un numero limitato ma rappresentativo di partecipanti ai laboratori (210), uno per ciascuna Zona della città. Ogni gruppo ha lavorato in piena autonomia, con l’aiuto di facilitatori professionisti, e ha svolto le seguenti attività: 1-analisi delle esigenze emerse in ogni Zona; 2- condivisione delle priorità a cui i progetti dovevano rispondere (i criteri); 3- definizione delle aree di progetto su cui lavorare; 4- elaborazione dei progetti per ogni area. Il lavoro, svolto il 24 e 25 ottobre a Spazio Soderini alla presenza dei tecnici comunali di dieci settori diversi, ha dato luogo a 38 progetti, che sono stati successivamente sottoposti ad un’ulteriore verifica di fattibilità da parte degli uffici.

Fase di voto

Una terza fase di voto, dal 12 al 29 novembre, è stata dedicata alla scelta, da parte di tutti gli interessati, dei progetti da realizzare. I 40 progetti sottoposti al voto sono il prodotto dei progetti dei laboratori e dell’analisi di fattibilità tecnica. Al fine del voto i progetti sono stati pubblicati sul sito e su materiali divulgativi; tutti coloro che abitano, studiano o lavorano a Milano, al di sopra dei 14 anni hanno potuto votarli online, attraverso il sito web del progetto oppure, il 21 e 28 novembre, nei punti di voto assistito allestiti in nove biblioteche di Milano. Per le scuole che hanno un intervento all’interno dei progetti è stato esteso il voto anche ai minori di 14 anni, attraverso delle schede cartacee. Al termine della fase di voto e dello spoglio delle schede delle scuole, che ha dato luogo ad un totale di 30.172 voti validi, è stato pubblicato un documento con i risultati e la lista dei progetti interamente finanziati.

Fase di realizzazione

I progetti vengono successivamente presi in carico dal Comune che farà un’istruttoria tecnica per individuare la modalità più adeguata per finanziarli. Gli interventi infrastrutturali più semplici, di importo inferiore ai 100.000 euro, saranno avviati alla realizzazione nel 2016, quelli più complessi rientreranno invece nel prossimo Piano triennale delle opere 2016/2018 e dovranno essere sottoposti a una fase di progettazione tecnica e di definizione del dettaglio degli investimenti per poter attuare le procedure di gara pubblica e eseguire gli interventi. Lo stadio di avanzamento sarà documentato su questo sito.

Resta informato

info@bilanciopartecipativomilano.it


Il Bilancio partecipativo è un progetto del Comune
di Milano realizzato in collaborazione con:
Istituto per la Ricerca Sociale, Avventura Urbana, ARCI Milano e ACLI Milanesi

Iscrivendoti alla newsletter accetti le condizioni del servizio